Fino a quando Grillo riuscirà a mantenere la piazza nei canali democratici?

imagesCAC3QXKVCaro Napolitano, se Grillo ha definito la Sua rielezione, ulteriore sussulto degli ormai morti partiti alla loro eterna perpetuazione a scapito del bene dei cittadini italiani, “Golpe”, non è per una sacrosanta sfiducia nei Suoi confronti, che è il padre del Governo delle torture Monti, ma molto più prosaicamente per evitare che  si scateni il putiferio nelle strade da parte di coloro che non avendo più nulla da perdere  sono ormai pronti a tutto. Quel mestatore, buffone di Grillo ancora una volta ha preferito usare toni aspri, definiti, caro  neo- ex-presidente, dai suoi indegni elettori addirittura come antidemocratici perché lesivi della sovranità di un parlamento di nominati e non scelti, senza comprendere che l’unico scopo era di sollevare l’indignazione popolare e convogliarla in un canale democratico e parlamentare quale quello del M5S che continuate a ostinarvi a non prendere in considerazione, anche se in cuor vostro sapete che rappresenta la maggioranza del sentire diffuso. Io sinceramente non so fino a quando il nostro Beppe riuscirà a gestire, prevenendole, le vostre alchimie che vi intestardite a definire politica, ma in cuor mio mi auguro che la sua capacità e tenacia sopravviva alla vostra perché altrimenti penso che la sopravvivenza di ciascuno di noi sarebbe affidata esclusivamente alla roulette russa del caos generale. Ma forse è proprio quello che volete per trovare la giustificazione di metterci tutti in riga e con la camicia, che so, grigia solo perché colore  ancora non utilizzato in modo nefasto. Caro Presidente, anche se personalmente non la stimo come Padre di tutti gli italiani, in quanto dimostratamente papà affettuoso solo degli interessi di alcuni, neanche i migliori, spero non le sia sfuggito la sottigliezza che Grillo ha avuto nel non presenziare questa sera alla programmata manifestazione anti “Golpe” perché aveva avuto sentore della presenza di mestatori, non del M5S, pronti a scatenare il putiferio magari con bandiere NO TAV che in qualche modo potessero poi addossarci le responsabilità proprio in nome di una sacrosanta battaglia non contro la civiltà, ma il malaffare del partito da cui in parte proviene e non oso fare illazioni da dove provenissero i mestatori, anche se la storia è piena di interferenze degli apparati, a posteriori appellati deviati, diciamo statali.

Smettetela una buona volta di far credere attraverso la vostra comunicazione stampa/TV che il male siamo noi M5S appoggiandovi al gossip cui alcuni, pochi, dei nostri eletti si presta o ad alcune esternazioni catturate per sfinimento che chiunque di noi dopo ore di assedio potrebbe in buona fede elargire, perché la sostanziale differenza sta nel fatto che mentre i vostri, opportunamente ammaestrati portano la voce del padrone, despota di partito o   di corrente e talora di sottocorrente, i nostri, belli o brutti, intelligenti o stupidi, devono, ripeto devono, riportare, non quello che il despota Casaleggio impone, ma solo quello che i tanti o pochi loro elettori gli dicono, perché l’impegno delle regole lo hanno accettato da Grillo e quindi lo devono a tutti gli iscritti, mentre il rispetto del programma stabilito lo devono a me, semplice cittadino, che in parte ho contribuito a scrivere e definire insieme a tanti altri.

Caro  neo-ex- Presidente, il cittadino come tale, nella vostra lettura della costituzione, vale ancora qualcosa? se la risposta è sì, come potreste ufficialmente dire il contrario, allora Lei non può che essere definito golpista perché eletto da una maggioranza di elettori a loro volta non eletti dai cittadini come la costituzione prevederebbe e prevede. Gli unici veri aventi diritto al voto perché eletti dai cittadini sono i M5S e solo una parte dei PD, ma insufficienti ad esprimere la sola maggioranza qualificata possibile, se è così che amate costituzionalmente definirla. Pertanto La prego di smetterla di parlare di democrazia a chi la rispetta e la conosce, ma non ha al momento ancora la forza, democratica, per contrapporsi all’inciucio di chi  continua a gabbarsene spudoratamente solo in virtù di leggi truffa.

PENNAdOCA                                                                                                                                             20.04.2013

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

3 Responses to Fino a quando Grillo riuscirà a mantenere la piazza nei canali democratici?

  1. Pingback: RIDATEMI .. i 2 € .. [storia della BASE che si sente tradita dal PD] | 6 VIOLA

    • lapennadoca says:

      ti ringrazio per il contributo che ho potuto solo scorrere superficialmente, ma che, meritando sicuro approfondimento, il tempo momentaneamente a mia disposizione me lo impedisce, conto quanto prima di potermici dedicare per una doverosa risposta e/o adesione circostanziata.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s