Sapete chi chiede democrazia nel M5S?

democraziasantamarinella.blogspot.comColoro che chiedono democrazia all’interno del Movimento 5 Stelle sono coloro che non hanno capito un cazzo ed è giusto che vadano fuori dalle palle! Se è vero come è vero che l’obiettivo è di mandare nelle varie istituzioni portavoce, vorrei dire anonimi, in grado di raccordarsi con la gente ed essere il filo conduttore bidirezionale delle informazioni e dei bisogni reali che si fanno proposta, questa e solo questa è la vera democrazia, mi dite che differenza fa se va uno od un altro? L’unica differenza che vedo è che sia giusto cercare di garantirsi a che vadano a rappresentarci solo coloro che hanno veramente capito ed effettivamente metabolizzato cosa voglia dire uno vale uno e che certamente non vuol dire io. Chi si sente escluso dalla candidatura, per qualsivoglia motivo di metodo adottato per la designazione e successiva votazione dei candidati, non ha capito niente e farebbe meglio a tacere piuttosto che continuare a dimostrarsi stupido o quel che peggio in malafede. Se il movimento si dà regole per evitare che la politica diventi un mestiere perché scannarsi per farsi eleggere e sulla base di quali autovalutazioni del tutto autoreferenziali si ha il diritto di sentirsi superiori agli altri e quindi più meritevoli lagnandosi di essere stati esclusi? è forse facendo crocchi di sostegno che si pensa di cambiare la politica del nostro paese? non mi sembra questo né nuovo né particolare sintomo d’intelligenza, forse di furbizia.

Io pur invitato a candidarmi, con tanto di laurea, enorme esperienza professionale ad alti livelli, mi sono autoescluso, ma non per questo mi sento meno motivato a lavorare per l’interesse generale, anzi sarò un cerbero nei confronti dei portavoce che non dovessero rispettare le nostre regole, cercando tuttavia nel mio piccolo di metterli nelle migliori condizioni possibili per svolgere al meglio la loro funzione. In altra occasione avevo espresso che i vari candidati nel filmato di presentazione, dopo, una prima inquadratura di riconoscimento, parlassero da dietro una maschera, uguale per tutti, che se fossi stato Grillo avrei imposto proprio per sottolineare e ricordare che non importa chi viene eletto, fatte salve alcune caratteristiche basilari quali il saper parlare, il saper relazionarsi con gli altri, la capacità di lavorare in gruppo, il saper ascoltare.

Discussioni sull’organizzazione interna, le piattaforme, il metodo di voto on line possono essere funzionali solo se riusciamo a portare la gente dentro le istituzioni e le istituzioni fra la gente. La rete sicuramente rappresenterà l’imprescindibile domani ed è quindi giusto che fin da oggi si esasperino le sue potenzialità, se non altro come momento di stimolo alla doverosa e altrettanto imprescindibile alfabetizzazione. Tuttavia, Pizzarotti, a Parma, capito che al momento la partecipazione attraverso la rete, per pigrizia, stanchezza, incapacità, non era ancora quella auspicata si è messo a portare la giunta nelle strade e nei quartieri. Questo non significa che la rete non abbia il suo valore, ma semplicemente che occorre prima risvegliare il piacere/dovere di partecipare e poi, pian piano, insegnare il modo più semplice e diretto per farlo. Io, ma sono vecchio, credo che il successo del M5S sia solo in parte legato alla rete, che ha tuttavia permesso di creare i primi centri di aggregazione appunto in rete intorno ai quali è stato possibile poi convogliare parte degli “ammiratori” e degli “spettatori” di  Beppe che si è speso nei suoi spettacoli, retribuiti, e poi gratuitamente nelle piazze. Non è un caso se i post o tweet più apprezzati sono quelli corredati da video; infatti il video è il trade-unione tra il virtuale della rete e il reale della vita quotidiana e quando si desidera un messaggio d’impatto ci si affida a un video, come si suol dire ci si mette la faccia. Quello che ha fatto oggi Grillo che ha mandato, non alla sua solita maniera accattivante, ma veramente da incazzato affanculo quella pletora di speculatori del lavoro di noi tutti che non chiediamo nulla in cambio se non realmente di cambiare l’Italia mentre loro “avanguardisti” chiedono posti e visibilità, ma “democratica”.

Abbiate anche il mio, per quello che vale, personale vaffanculo.

PENNAdOCA                                                                                                                                11.12.2012

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

15 Responses to Sapete chi chiede democrazia nel M5S?

  1. stefno says:

    Ciao,
    confermeresti ciò che dici, cioè che

    “se è vero come è vero che l’obiettivo è di mandare nelle varie istituzioni portavoce, vorrei dire anonimi, in grado di raccordarsi con la gente ed essere il filo conduttore bidirezionale delle informazioni e dei bisogni reali che si fanno proposta, questa e solo questa è la vera democrazia, mi dite che differenza fa se va uno od un altro?”

    e che

    “non importa chi viene eletto, fatte salve alcune caratteristiche basilari quali il saper parlare, il saper relazionarsi con gli altri, la capacità di lavorare in gruppo, il saper ascoltare”

    se ci capitasse per sbaglio uno di questi “avanguardisti” (che potrebbe tranquillamente essere uno tra gli eletti che non ha avuto la sfortuna di essere escluso: chi può escludere che ciò non sia avvenuto)?

    E, bada, te lo dice uno che apprezza, ammira e sostiene ciò che sta facendo Grillo, ha dato e da il suo contributo e non si è mai candidato e condivide molte riflessioni che hai scritto (come quella di Pizzarotti) …. Ma certe volte mi stupisco di come si cerchi di fare un’esegesi positiva di ogni cosa che esce dal Blog di Grillo, che assomiglia a quella che fanno i militanti dei partiti, per il partito, e che tanto contestiamo

    • lapennadoca says:

      Certo che continuo a sostenere quello che ho scritto. E’ chiaro che in qualsiasi cosa si faccia esiste sempre un margine di rischio e di errore e sono sicuro che anche fra gli esclusi ci siano persone che non l’avrebbero meritato , ma non so se ci rendiamo conto che è in gioco la tenuta dell’intero movimento: anche una minima concessione a un qualcosa che potrebbe somigliare a una deriva partitica sarebbe la nostra fine. Certo anche a me sarebbe piaciuto che le liste fossero state aperte a tutte le autocandidature, ma in questa fase sarebbe stato il disastro totale anche sotto il banale profilo della gestibilità “burocratica”. Seguo da vicino l’attività di nostri già eletti nelle varie istituzioni e questi non subiscono interferenze di sorta che non vengano dalla loro base, è questa la democrazia il resto sono sovrastrutture e orpelli.

  2. enzo says:

    condivido tutto al 100%

  3. Salve, sono un 58 enne pensionato con 40 anni di lavoro spesso fuori ITALIA COME TECNICO SPECIALIZZATO COLLAUDATORE neo fuoriuscito dal M5S in cui non credo più,è uguale agli altri partiti con padri padroni ( vedi Berlusconi ),io credevo in:UNO VALE UNO e pensavo, da esterno con nessuna voglia di essere eletto di contribuire per la mia esperienza ha stendere eventuali modifiche ad un programma scarno ,PURTROPPO NON è VERO!!!!!1°ciò che dici è VERISSIMO, CHE CHI Và IN PARLAMENTO DEVE ESSERE SOLO UN PORTAVOCE , ma di chi?? della base del M5S o di un capo padrone?????2° non è importante chi ci vada,ma combattere i “NOMINATI” e poi fare altrettanto mi sembra fuori logica, addirittura si sono calpestate regole rigide fatte dal CAPO, e da chi?? da alcuni “UNTI DAL SIGNORE” ,oppure candidati al senato per la regione LAZIO2 ( vedi MASTRANGELI ) che sono sono emeriti lecchini che in vari post ” POPULISTI” non ha proposto un bel niente solo demagogia , ci sono fidanzate, sorelle ecc.; 3° hai così ragione in quel che dici che io ho fatto una proposta “futuribile e pazza” : visto che chi andrà in parlamento e senato NON AVRà NESSUN POTERE DECISIONALE ,ma attenersi al solo ordine del capo o della dirigenza ( e del programma ) meglio risparmiare ulteriormente e mettere un bel computer nel posto del M5S che automaticamente risponderà ai quesiti, in base al programma caricato , semplice nò??????e non costa niente ; 4° ultimo ,ma non meno importante dimmi chi e quale programma rappresenta il mondo del lavoro dipendente privato ( uno dei veicoli trainanti per l’economia ): operai, impiegati, imprenditori ,ma SPECIFICO , imprese private , saluti

    • lapennadoca says:

      Claudio, sono un po’ più vecchio, ne ho 66 e sono nel movimento fin dalla prima ora e non perché non abbia altro da fare.Senza pretesa di verità assoluto ti rispondo partendo dal fondo:
      il programma è ancora molto approssimativo e assai lacunoso anche perché tendeva a privilegiare le problematiche più affrontabili a livello locale in quanto nessuno poteva prevedere questo andamento esplosivo di risultati e quindi abbiamo davanti il difficile compito di costruirne anche gli aspetti che tu evidenzi.
      Seguo da vicino l’attività di nostri già eletti nelle varie istituzioni e questi non subiscono interferenze di sorta, soprattutto da parte di Grillo/Casaleggio, che non vengano dalla loro base,e nessuno mi ha mai parlato di dover render conto delle scelte fatte. Questa è la democrazia vera che a me interessa il resto sono sovrastrutture e orpelli.
      Che ci possa essere qualche caso come tu riferisci, di persone che non conosco e per le quali non posso esprimermi ne in un senso né nell’altro, non posso essere io a escluderle a priori, ma se mi riferisco ai risultati della Lombardia in generale e Milano in particolare, che conosco abbastanza bene direi che i risultati sono assolutamente soddisfacenti per quanto attiene le persone in predicato di elezione parlamentare.
      Saranno portavoce di chi? è quello che domandi e io ti rispondi nostri ovvero della loro base elettorale perchè noi diversamente da altre regioni abbiamo votato all’unanimità la verifica semestrale degli eletti che qualora non riconfermati, anche se legalmente non possiamo farli decadere, almeno avremo il diritto di potergli “sputare in faccia” e questo varrebbe anche nel caso che fossero alle direttive di Grillo o chi per lui qualora non condividessimo le scelte.
      Guarda che il fenomeno degli infiltrati anche da noi è stato assai rilevante mentre tieni conto che alcuni quando sono entrati nel movimento anche molto tempo fa lo hanno fatto avendo scommesso che sarebbe stato utile per loro salire su un tram che stava partendo e che ora evidenziano effettivamente le vere loro mire.
      Non ho nessuna pretesa di convincerti, ma questo è quello che sinceramente penso e spero di aver scommesso bene sulla assoluta buonafede di Beppe. Di fregature nella vita ne ho prese tante anche se navigato e abituato a vivere in un mondo di squali, ma questa volta ho sto provando una sensazione completamente diversa; vorrà dire che se resterò deluso ancora una volta farà solo un po? più male, del resto cosa abbiamo da perdere con la politica partitica che ci ritroviamo?
      Cordialmente

      • ciao, grazie per la risposta , ti dico che io dopo anni di sonnolenza politica, nauseato da tutto e tutti avevo prima seguito esternamente il M5S ,poi a maggio mi sono iscritto,(oppure credevo di esserlo ,la mia CI. non è stata certificata !!!!! roba da principianti del web,ed avevo chiesto nel forum e portale ufficiale dove postavo se era tutto ok, risposte sempre affermative )perchè credevo nel UNO VALE UNO , nel “non statuto” iniziale( poi cambiato per colpire chi è stato recentemente espulso ) e volevo aiutare a migliorare il programma; ora le ultime vicende , gli ultimi appelli evidenziano una cosa sola, è PURTROPPO inutile negarlo: ilM5S è di uno solo , non si accettano critiche e o discussioni,chi non ci stà deve andare fuori dalle balle ( dopo però MOLTO FURBESCAMENTE AVER registrato tutti i movimenti presenti e futuri che abbiano coincidenza con le parole: movimento, uno vale uno, movimento pirata ( addirittura nato molto prima dello stesso M5S) e via di seguito; ti correggo : FAVIA E ALTRI ELETTI IN EMILIA ROMAGNA , ogni 6 mesi hanno riunioni e mettono ai voti il loro mandato ,se VENGONO SFIDUCIATI DALLA BASE si dimettono , questo fino a d ora non è successo, prevedo dopo il diktat di BEEPEP GRILLO contro FAVIA E LA SALSI ,probabile cambiamento di rotta,anche se noi siamo duri, Tavolazzi ne è un esempio, quanti lo seguiranno se verra aperto un nuovo movimento?? è questo che si vuole ?? vi ricordo l’apporto dato in Emilia Romagna al M5Se vi invito TUTTI A VEDERVI l’intervista della consigliera PERINI E CAPIRETE TANTE COSE , è logico che i prossimi cacciati saranno PERINI E DE FRANCESCHI , troppo scomodi ; cmq UNO VALE UNO non è più valido, e l’ULTIMA presa di posizione di BEPPE non è niente altro che un capo partito, UGULA E A BERLUSCONI ,liberi di essere felici, io ho detto no, saluti

  4. Leonardo says:

    Chi si è avvicinato al 5 Stelle lo avrà fatto con la sua testa, lo avrà fatto di spontanea volontà, lo avrà fatto dopo aver, mi auguro, attentamente studiato cosa vuole il MoVimento 5 Stelle, e quali strumenti aveva per capire questo? il “Non Statuto” la “Carta di Firenze” il “Programma”, ora nessuno viene cacciato via dal MoVimento se rispetta le regole, a me per esempio, le parole di Grillo non ha fatto ne caldo ne freddo, non mi hanno minimamente toccato, perchè? perchè so che non erano rivolte a me e a tanti come me, chi si sente chiamato in causa, forse una riflessione un pochino più a fondo dovrebbe farla.
    Perchè oggi non mi va più bene certe cose certi meccanismi? eppure sono gli stessi di 5 anni fa,
    Leonardo Minnozzi

    • lapennadoca says:

      Mi è piaciuto molto il detto “sono responsabile di quello che dico, e non di quello che capisci” …UVU

    • se permetti stai dicendo fesserie, e non lo dico io,ma una eletta a Forlì , espressamente voluta da BEPPE GRILLO INSIEME A FAVIA ALLE ELEZIONI REGIONALI, LA PERINI ; cosa dice?? semplice :nel “non statuto” vi era una norma che diceva che dopo 2 mandati intesi come 10 anni, uno non poteva più candidarsi ,poi dopo alcuni problemi con FAVIA( prima della famosa intervista,sia chiaro ) non si accettavano contatti da parte di BEPPE GRILLO CON FAVIA,COSA PRECEDENTEMENTE SEMPRE AVVENUTA,ma si faceva passare il maggiordomo: Casaleggio!! cos’era successo di tanto grave?? alcune prese di posizione a favore o di discussione sulle tesi di TAVOLAZZI ; in quel momento ,chissa perchè il “non statuto” veniva modificato in SOLO 2 MANDATI, e si andava a colpire solo un soggetto : FAVIA VOLUTO ESPRESSAMENTE DA BEPPE GRILLO , perciò: 1° o che non sia le cose o stai mentendo ; 2° leggiti l’art. 4 del non statuto cosa dice ; 3°leggiti le regole di candidatura se coincidono con questo articolo; 4°nei nuovi regolamenti per essere candidati, sei sicuro che siano stati rispettati da tutti ( NB I REGOLAMENTI NON LI HO FATTI IO SIA CHIARO ) o ci sono state deroghe per qualcuno??? 5° ETICAMENTE TI SEMBRA LOGICO FAR ELEGGERE LA SORELLA, LA FIDANZATA, ECC. ECC.?????? 6° fare queste domande ,è da sovversivo o è lecito??7° NB VISTO CHE C’è UNA persona che segue Milano, avevo seguito l’OTTIMA SOLUZIONE DELLA GRATICOLA , perchè non è stato concepito nazionalmente,ma sono stati dati candidati confezionati ??8° probabilmente non ti fà niente quello che ha detto perchè sei abituato a BERLUSCONI ,se tutti avessero il coraggio di esprimersi senza timori……………………….

      • lapennadoca says:

        per tua conoscenza sappi che non sono nè leccaculo nè portaborse di nessuno, con Grillo ho parlato una sola volta tre anni fa come credo abbiano fatto centinaia di noi, posso in buonafede sbagliare ma dico sempre quello che penso a chiunque. Vedo che i nostri punti di vista sono molto distanti e inconciliabili per esperienze probabilmente diverse.Per me il grande errore che ha fatto Grillo è stato solo quello di non chiudere la questione subito come io avevo personalmente sostenuto da questo blog proprio perché non credo alla buona fede delle persone che tu nomini e penso di avere il diritto di sostenerlo. Niente di personale.

      • lapennadoca says:

        Scusa ho dimenticato una cosa importante. Adesso i vari giornalisti e stalk show useranno quelle persone, che si sentono così importanti e insostituibili, in chiave anti Grillo perchè devono sostenere la campagna dei loro padroni, ma finite le elezioni quelle stesse persone verranno mandate nel più assoluto dimenticatoio con buona pace di tutti. E poi dici a noi che ci lasciamo strumentalizzare.

  5. Tommaso Marcantonio says:

    Io credo che il M5S pur definendosi movimento in effetti non lo sia in quanto chiede il voto per entrare in Parlamento e pertanto è un Partito sebbene abbia in odio tale parola, i movimenti infatti servono a spostare la gente su argomenti o far prendere coscienza su determinate questioni. Bene detto questo si può sapere chi è il candidato premier del partito grillino?
    Una ultima cosa come mai a bologna è stata votata la fiducia a Casa Pound? Nota organizzazione o movimento fascista? Allora nel nome di “cittadini” senza distinzione che si voglia accettate pure i fascisti dichiarati?

    • lapennadoca says:

      Posso risponderti esprimendo unicamente quello che penso io.
      Se hai seguito almeno qualche comizio di Grillo per le regionali siciliane spero che non ti sia sfuggito quante volte ha detto “noi vogliamo il voto solo se vi mettete in testa di partecipare che questi ragazzi (i candidati) senza il vostro aiuto non possono andare da nessuna parte.” non mi sembra una richiesta da partito che di solito dice votami che io farò.
      Non esiste nessuna legge , anzi proprio la costituzione non lo prevede, che si voti il candidato premier. E’ compito del Capo dello Stato individuare colui a cui affidare l’incarico per formare il governo che poi deve essere ratificato dal Parlamento. Questo è un falso problema posto dai partiti per dirimere fin da subito le loro beghe interne, vedi le primarie del PD
      Sono antifascista, mio nonno è morto a causa del regime e lo squadrismo quindi puoi immaginarti se amo casapound. I nostri del M5S hanno votato contro un atto “terroristico”, a mio avviso mai giustificabile, ma solo dopo che nella mozione è stato approvato e inserito un loro emendamento che recita, non ricordo le parole esatte, “noi del M5S non condividiamo nulla della ideologia e delle pratiche degli aderenti a casapound e prendiamo atto che il voto è indirizzato unicamente alla censura di un fatto teppistico”
      Certamente ci sono molte cose che non vanno e da rivedere, ma ritengo che con il precipitare degli eventi non sia stato ne sia ancora possibile affrontare seriamente il problema.
      Cordialmente

  6. Tommaso Marcantonio says:

    Grazie per la risposta che mi trova d’accordo e solidale con te nella seconda parte del messaggio. Mentre nella prima parte, lasciamelo dire con tutto il rispetto, trovo che cerchi …una risposta….comunque.
    Infatti riporti una frase di Grillo che dice tutto e non dice niente è chiaro che senza l’aiuto della gente(soprattutto in posti “difficili” come la Sicilia) ossia la partecipazione, non si va da nessuna parte….però la cosa centrale è la richiesta del voto che solitamente ripeto un movimento non richiede….ma questo per me non è così importante, ma rimane il punto centrale, visto che siamo nella repubblica Italiana e come richiami tu, delle regole ci sono, chi sarà quindi il vostro candidato premier? Qualcuno lo dovrà fare…o prendete i voti e poi lasciate al Presidente della repubblica di chiamare per rappresentarvi Draghi (?)
    cordialità
    Tommaso

    • vedi io al momento sarò deluso, perchè mi sento tradito nei principi che aveva( ho detto aveva) il M5S : UNO VALE UNO è VERAMENTE FANTASTICO , dice VERA DEMOCRAZIA DALLA BASE; poi se questo viene tradito dagli stessi ideatori,in modo come sempre succede in ITALIA DITTATORIALE , stà a significare una cosa sola: NON SI VUOL VINCERE A LIVELLO NAZIONALE , forse non pronti ,MA FARE CAGNARA, saluti

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s