Favia ha fatto scattare il grimaldello. Che sia cacciato a furor di popolo.

E’ di un’ora fa il  tweet di Favia “Non ho nessuna intenzione di andare nel PD, L’m5s è sempre stata ed è la mia casa. Che fai mi cacci?” che ha fatto scattare l’ultimo grimaldello per cercare di sgretolare la credibilità del M5S e della sua organizzazione. Solo dal nostro interno poteva nascere l’opportunità per i partiti, il PD in particolare, di dimostrare che il movimento non è credibile e Favia ne è, in buona fede o no, la longa manu. Le alternative sono sostanzialmente tre: a) tenere Favia nel Movimento e dare origine a cascata ad una crescente anarchia più o meno generalizzata;  b) cacciare Favia e prestare il fianco alla critica di dittatura di Casaleggio; c) proporre un referendum in ciascuna lista civica accreditata con il quesito tenere o cacciare Favia e chiunque altro devii dalle regole generali.

Che sia ingenuità o malafede, personalmente propendo per la seconda per la tempistica, la reiterazione provocatoria continua e per la sua ultima sfida lanciata col recente tweet, propongo che sia cacciato dal M5S per aver messo a repentaglio tutto quanto di buono è stato fatto in questi anni.

Abbiamo organizzato un V-Day contro i partiti e ovunque rifiutiamo apparentamenti con qualsivoglia lista, non vedo perché non si debba rispettare anche il secondo V-Day fatto contro i media e si debba addirittura, come Favia ha fatto per sua stessa ammissione, pagare per andare in TV. Questo secondo me è assai più grave dell’intervista sfogo. Questa sua volontà di esposizione mediatica va contro il pensiero, non di Grillo Casaleggio, ma di quello sposato dalla stragrande maggioranza di noi.  Che sia cacciato non da Grillo o Casaleggio, ma a furor di popolo.

PENNAdOCA                                                                                                                      08.09.2012

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

4 Responses to Favia ha fatto scattare il grimaldello. Che sia cacciato a furor di popolo.

  1. luca71 says:

    no, non sono d’accordo. Cacciarlo vorrebbe dire rafforzare le critiche a chi dice che siamo antidemocratici e che assecondiamo le scelte dall’alto.
    Favia deve continuare a fare il consigliere e prendersi lui la responsabilità di quello che ha detto. Io penso che non riesca ad andare avanti per molto per la figura che ha fatto e per le tensioni che dovrà subire ancora.

  2. lapennadoca says:

    Non sono certo tipo da farsi condizionare dall’alto, ma il comportamento di Favia è così vergognosamente smaccato che un referendum tra gli iscritti al movimento io lo indirei. Avrebbe dovuto essere allontanato già quando è uscita la storia del pagamento delle sue apparizioni TV perché contrario a tutti i dettami del movimento stesso e ci sarebbe da approfondire come quella storia sia uscita sui giornali proprio a partire da Favia e non da altri di altri partiti che pur adottavano tale pratica anche in modo assai più consistente.

  3. Leonardo Minnozzi says:

    Senti, sono Leonardo Minnozzi, sono del MoVimento 5 Stelle, collaboro e sono admin insieme ad altri su https://www.facebook.com/#!/pages/NOI-VOTEREMO-IL-MOVIMENTO-NAZIONALE-A-CINQUE-STELLE-DI-BEPPE-GRILLO-/209242939350, e su https://www.facebook.com/#!/TG.Movimento
    spesso inserisco le tue note o su slide o addirittura proprio copio e incollo di sana pianta quello che scrivi, lo so non si fa, voglio solo farti capire che scrivere solo per il tuo blog sei sprecato, le tue note prendono condivisioni e apprezzamenti, spesso danno modo di discutere per intere giornate, sempre e solo a favore del 5 Stelle……..sono su facebook il mio nome è quello che trovi in questo commento, io non so il tuo qual’è, scusami se mi sono permesso di scriverti quì ma era l’unica soluzione……mettiti in contatto………..Leo

    • lapennadoca says:

      Ciao Leo, mi fa molto piacere quello che mi dici e sono disponibile, se sei d’accordo, a trasmetterti i miei nuovi eventuali post sulla tua casella messaggi di facebook in modo che tu possa, qualora lo ritenga opportuno, pubblicarli sul sito. I miei dati reali te li mando per e-mail; sono di Milano dove collaboro con il M5S, cui sono iscritto fin dall’inizio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s