Il j’accuse di un ignorante all’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Mi definisco ignorante, ma di buon senso, perchè non capisco come mai circolino sulla rete denunce scientificamente circostanziate e precise nei confronti della direzione del centro di sismologia nazionale. Se fossi un allestitore di talk show avrei già provveduto a organizzare un faccia a faccia, ma, per quel che ne so, nulla, solo sporadiche interviste senza confronto e contraddittorio.

Non vorrei, come ormai costume consolidato in Italia, che anche ai vertici dell’ente preposto al “controllo” dei terremoti (INGV = Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ci siano irresponsabili ammanicati politicamente, ma del tutto sprovvisti dei requisiti scientifici veri e non fittizi.

Mi piacerebbe, ovviamente sempre da ignorante, ma non deficiente da non capire, che qualcuno si prendesse la briga di spiegarmi chi ha ragione e perchè, con ovviamente argomentazioni realmente scientifiche, come quelle di chi accusa, e non le solite sbrodolate sull’imprevedibilità dei terremoti che, se vere per localizzazione precisa e giorno, tuttavia non giustificano la trascuratezza circa dati di allarme reale.

Giuliani, il sismologo che aveva previsto il terremoto nella zona dell’Aquila, con le rilevazioni di radon( gas nobile e radioattivo) che aumenterebbe la sua concentrazione nelle falde acquifere del sottosuolo in prossimità di eventi sismici, che ha apertamente accusato l’ INGV  di non aver saputo leggere, tra la prima e seconda scossa del recente terremoto nel modenese, neanche i dati sismografici che evidenziavano una serie di scosse di magnitudo troppo elevata per considerarsi sciame della prima e che invece avrebbero dovuto far presagire un nuovo accumulo di energia prodromico alla seconda scossa.

Gaetano De Luca fisico dipendente dal 1991 dell’ INGV fino al 2002, ovvero fino a quando non ho capito se dimesso o dismesso, che sostiene l’importanza del terreno su cui una struttura, nel caso specifico la città dell’Aquila, è costruita. Cosa aveva osservato e poi pubblicato, che la città de L’Aquila è edificata su un terreno che amplifica le onde a bassa frequenza di un terremoto per cui una scossa che altrove avrebbe potuto creare meno danni o affatto è risultata assolutamente distruttiva. Colpa di questo ricercatore aver divulgato la notizia ben prima che avesse luogo il disastroso terremoto. Poichè le ricerche e risultanze di questa ricerca sono state poi accettate e pubblicate sulla principale rivista scientifica americana, mi chiedo perchè non prenderlo in considerazione? semplice, poichè avallare la sua teoria significa riscrivere in tutta Italia i parametri di edificabilità antisismica.

Pensate che i politici da sempre intrallazzati coi palazzinari prendano provvedimenti antieconomici per loro? Solo i cittadini se avranno il coraggio di riprendersi in mano il potere decisionale potranno legiferare per il loro effettivo bene cercando, per quel che è possibile, di privilegiare la prevenzione alla cura.

Comunque aspetto risposte a questa mia altrimenti me le do da solo come ho appena fatto.

PENNAdOCA                                                                                                                                       30.05.2012

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s