Toccatemi tutto… ma non il mio … Grillo

A seguito dei sempre più frequenti “inviti” , ovviamente non disinteressati, al Movimento 5 Stelle di emanciparsi da Grillo, abbandonandolo per fare da soli, non ho che una reazione presa a prestito da una nota pubblicità: toccatemi tutto … ma non il mio … Grillo.

Tuttavia vorrei, anche se in verità dovrebbero essere questi istigatori a farlo,  spiegare il perchè.

Quando uno vota M5S non vota Grillo , ma uno dei tanti ragazze e ragazzi puliti, che una libera assemblea ha eletto come propri portavoce e che provvederà a controllare continuamente affinchè restino assolutamente tali.

Quando uno vota M5S non vota Grillo e sa che chiunque venga eletto farà non quello che Grillo ipoteticamente potrebbe suggerire, ma solo quello che ritiene opportuno sentita la base dei suoi elettori o comunque spiegando poi, sempre alla sua base, le motivazioni di una qualsivoglia scelta che non sia stato possibile concordare prima.

Quando uno vota M5S non vota Grillo ma l’assoluta certezza di trasparenza, di stipendi e operato, e di vero servizio politico per la comunità. Dopo due mandati chiunque diventa incandidabile e quindi questo impedisce sul nascere velleità di carriera politica almeno nel Movimento stesso.

Quando uno vota M5S non vota Grillo perchè sa che stiamo già facendo da soli. Come i nostri eletti e i rispettivi attivisti dei movimenti   comunali, provinciali e regionali possono testimoniare.

Allora perchè non toccate … il mio … Grillo, perchè è un Idea ovvero, come egli ama spesso ripetere, non ci vogliono ideologie, ma idee, nel senso che se sono i cittadini stessi, controllati dagli altri cittadini, ad amministrarsi, l’ideale è già compiuto e quindi servono solo le idee giuste e nuove per migliorare la condizione del vivere di tutti. Dicevo Grillo Idea, nel senso della razionalizzazione di un’utopia apparente, che solo con una grande visione e una grande capacità comunicativa  è possibile trasmettere, diffondere, concretizzare. E voi vorreste toccarmi il mio Grillo?

PENNAdOCA                                                                                                                   04.05.2012

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s