Lombardia ladrona for-minchioni

Ci è sempre stato ventilato che la Lombardia sia la regione per eccellenza, come smentire questo paradigma quando si viene a scoprire che eccelle per infiltrazioni mafio-ndraghe-camorriste e per probabili mazzettari proprio nei suoi vertici? non c’è che dire anche questa è vera eccellenza ovvero superare chiunque altro. Sia il PDL che la Lega, per certi versi anche il PD, hanno sempre negato infiltrazioni mafiose sostenendo che il nord è pulito e accusano di qualunquismo coloro, come il M5S, che da sempre sostengono che tutto il potere, per come congeniato in Italia e anche in Lombardia, è “camurria”.

Che strano sentir parlare, for-minchioni (per il popolo coglione), di garantismo. Eh no! Si deve innanzi tutto garantire quel popolo che paga gli stipendi ed è l’unico proprietario dei territori su cui si fa scempio in nome del bene comune, che poi, come i fatti dimostrano, è solo il bene di politici e imprenditori sleali verso la concorrenza onesta. E ci parlano di libero mercato, ma ovviamente intendono libero da chi non è disposto a pagare il pizzo. Che differenza c’è tra il pizzo mafio-ndraghe-camorrista e quello imposto dai nostri dipendenti infedeli? quelli sono delinquenti, questi sono delinquenti e traditori.

Basta con il buonismo permissivo, ma lo fanno per il partito! E’ ora che la gente si inacazzi e vada a trovare qusti bellimbusti a casa loro, o meglio nostra visto che se la fanno coi nostri soldi, e li obblighi a restituire il maltolto che ci fa aumentare sempre e di continuo le tasse e fa diminuire le pensioni e i diritti per averla, mentre lo stato blatera, ma non fa nulla e il Presidente di Regione, illegalmente eletto, dice aspettiamo e vediamo.

Non sono un violento nè amo le manifestazioni spaccatutto, ma sto letteralmente perdendo la pazienza e con me penso molti dei nostri concittadini. E’ quindi giunto il momento di dire basta.

Cominciamo intanto a far dimettere, volente o nolente, chiunque ricopra una carica pubblica appena sospettato di irregolarità e cautelativamente a sequestrargli tutti, ribadisco tutti, i suoi (nostri) beni; cominciamo a togliere la licenza agli esercizi commerciali che non rilasciano scontrino fiscale e non sospenderla per tre mesi o meno e sequestro cautelativo dei beni; cominciamo a revocare a vita la possibilità di esercizio della professione a quei medici che avallano certificati falsi di invalidità e sequestro cautelativo dei loro beni, e lascio a voi continuare l’elenco che sarebbe troppo lungo. Non credo ci voglia molto per poter operare in questo modo nel massimo rispetto di chi sbaglia paga e non ci sarebbe neanche bisogno di galera: è sufficiente volerlo, ma i partiti si oppongono, perchè? perchè a mio personale parere marci fino al midollo e in combutta tra di loro tant’è che stiamo aspettando ancora i veri tagli dei costi della politica e non solo fumetto (sintesi tra fumo e ombretto) da mettere negli occhi già orbi della stragrande maggioranza degli italiani tenuti costantemente ignoranti dall’informazione omologata.

Loro non molleranno mai, ma gli conviene? noi nemmeno e siamo sempre di più.

PENNAdOCA                                                                                                                    07.03.2012

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to Lombardia ladrona for-minchioni

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s