Io sto con Grillo senza se e senza ma!

Non sono una pecora che ha bisogno del buon pastore. Non sento la necessità di un leader a ogni costo. Beppe avrà pure sfruttato la sua idea del movimento per gremire le sale dei suoi spettacoli e fare incassi per sè, ma la visone che ci ha dato e continua a darci, di quello che Orwell aveva preconizzato nel suo romanzo 1984, chi di noi sarebbe in grado, non dico di vedere, ma comunicare con tanta penetrazione ed efficacia? Grillo sarà pur stato un arrivista finalizzato al suo business, ma ora che è arrivato potrebbe tranquillamente fottersene di noi e del movimento 5 Stelle, dal momento che non mi pare abbia mire di potere avendo da sempre rifiutato, nei fatti e non nelle parole, una vera leadership. Vi riporto come semplice fatto di cronaca un colloquio occasionale avuto con lui: “noi – vedendo i miei capelli bianchi ( sono suo coetaneo), mi disse – dobbiamo aiutare questi ragazzi mettendo a loro disposizione la nostra esperienza per fare in modo che crescano nella vera conoscenza delle cose che oggi è loro in gran parte negata perchè fornita in modo distorto solo da media asserviti al potere inteso ovviamente in senso lato. E poi noi che cazzo ne capiamo di informatica e comunicazione multimediale. Solo loro sanno smanettare e se opportunamente guidati tirare fuori dal web le chiavi per leggere in modo reale il mondo che ci fa pedine facendoci credere attori per ribaltarne il concetto”

Beppe sicuramente non sa ch’io sia e penso che giustamente se ne fotta di saperlo, così come a me nulla interessa di chi lui sia e cosa faccia, ma penso che a entrambi interessi come si possa democraticamente combattere questo regime finanziario, italiano, europeo, mondiale, dove il quattrino vale più dell’uomo. Enunciato questo disinteresse personale reciproco ma condividendo gli obiettivi dico, dal mio punto di vista per paradosso, che se Grillo ha sfruttato e non vuol mollare per continuare a sfruttare il M5S ai suoi fini personali di marketing, perchè noi del M5S non possiamo fare altrettanto e sfruttare lui per il nostro marketig? Poi vedremo. Anch’io sono un fautore, per estrazione professionale, dell’organizzazione a patto che non coarti la spontaneità, ma purtroppo è praticamente irrealizzabile perchè l’organizzazione è necessariamente gerarchica e chi ne è ai vertici finisce per comandare e decidere lasciando di conseguenza agli altri l’alienazione del potere e quindi di sè stessi; è quello che succede in tutti i partiti, dove chi acquisisce una posizione si circonda di fedeli e fedelissimi mandando a farsi benedire qualsiasi forma di meritocrazia per sentirsi più sicuro e protetto.

Bene, Beppe o se preferite Casaleggio o chi per loro, hanno posto dei paletti ben precisi, rispettando i quali, volenti o nolenti dovrebbe essere impossibile fare carriera politica nel M5S per proteggerci in primis da arrivisti non che  dagli avvoltoi infiltrati di altri partiti, quindi se proprio si vuole che Grillo scompaia, per me no problem, fatto salvo quanto detto prima circa la convenienza nostra, a patto che si trovi un altro modo che ci garantisca a livello nazionale dai rischi di scadere nel partitismo contro cui ci battiamo.

Sarà il consigliere uno, due o …. sei del post di Beppe che potranno farsi autorefereziatamente garanti? da parte mia una bella pernacchia perchè uno vale uno, Grillo compreso, che tuttavia continuerò a seguire finchè avrà voglia e modo di approfondire quello che io, preso da altri problemi esistenziali, spesso non ho modo di cogliere, mettendo pure in conto che Beppe possa, può e potrà commettere errori come ogni essere umano.

Io sto con Grillo senza se e senza ma anche se questo non vuol dire che  accetti tutto senza discutere e argomentatamente ribattere e/o rifutare; tuttavia sto sicuramente con la sua voluta non organizzazione che diversamente ci porterebbe, alla stregua di tutti gli altri partiti o movimenti che dir si voglia, come anche la Lega e del tutto recentemente anche il PDL amano definirsi, al disastro organizzato che il vero obiettivo del M5S è portare più gente possibile a ragionare con la propria testa e a ribellarsi alla falsa verità istituzionalizzata. Noi gente comune che vota siamo i datori di lavoro a burocrati e politicanti e come tali abbiamo il diritto dovere di farci rispettare introducendo il concetto della licenziabilità di costoro, come è per non statuto per i portavoce eletti del Movimento 5 Stelle. 

Questo è il mio pensiero senza alcuna pretesa di verità assoluta, anzi gradirei che qualcuno, dimostrandomi innanzi tutto di aver capito appieno lo spirito del M5S, riuscisse a convincermi che sto sbagliando.

PENNAdOCA                                                                                                                            03.03.2012

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

3 Responses to Io sto con Grillo senza se e senza ma!

  1. Marco Fonti says:

    Vieni a Rimini domani. Magari ti rendi conto che c’è gente che vuole bene alla creatura di Grillo e vorrebbe SOLAMENTE renderla ancora migliore. Senza pretese.

    • lapennadoca says:

      se avessi potuto avrei previsto la mia partecipazione a prescindere dal tuo invito perchè prediligo sempre, ove possibile, farmi un idea diretta anzichè su voci riportate.

  2. Andrea74 says:

    @Marco Fonti

    Ma non diciamo fesserie….quelli che hanno organizzato gli incontri nazionali sono degli squallidi arrivisti che vogliono SOLO la poltrona….come ampiamente documentato!!!
    Mi spiace per chi è in buona fede ed è stato tratto in inganno.

    QUI LE PROVE
    http://iii.magarelli.net/2012/tutta-la-verita-sugli-incontri-nazionali-e-sugli-arrivisti-nel-m5s/

    http://www.facebook.com/pages/Tutte-le-contraddizioni-dei-dissidenti-anti-Grillo-infiltrati-nel-M5S/239114252787471

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s