Come ti sbrufolo il Renzi.

Poichè l’unico rimedio per sbrufolarsi, il Renzi , pare l’abbia individuato nello sfregamento, non c’è da stupirsi che politicamente si sia buttato anche lui sul centro così sovraffollato di falsi cattoilici e neo-liberisti, vecchi e dell’ultim’ora, tale da garantirsi il benefico effetto. E’ proprio il caso di dire che al centro si soffoca, ci si sfrega e ci si frega nel gioco al rilancio di proposte talebane, per la conservatoria ecclesiale, e di oscurantismo sociale per il lavoro e la vita dell’uomo.

La Chiesa e il PD avrebbero bisogno, oh pia illusione! di una sola cosa: invece di rimettersi al centro, di rimettere al centro dell’attenzione l’uomo, il singolo individuo con i suoi pregi e difetti, con le sue forze e paure, come anello fondamentale di una nuova società che miri esclusivamente, in prima istanza, al soddisfacimento dei bisogni primari e vitali e non sottoforma di elemosina elargita all’accattone, bensì di diritto alla dignità.

Forse qualche lettore più attento, invece di applaudire queste belle parole piene di buone intenzioni, si chiederà, ma è possibile realizzare veramente questo che sembra un sogno? La risposta è semplice: basta volerlo.

Poichè si è dimostrato che il cooperativismo è, ed è stato, in grado di produrre, distribuire, competere in tutte le situazioni, in tutti i mercati anche a fronte della concorrenza più agguerrita, perchè non pensare anche al cooperativismo per la politica? Cooperiamo insieme per organizzare e gestire anche i comuni, le regioni, lo stato e gli organismi sovranazionali.

In fin dei conti è quanto sta proponendo il M5S, ovvero cari cittadini, cooperate a riprendervi in mano la gestione del futuro vostro e del vostro territorio attraverso le vostre decisioni condivise e una rappresentanza politica di servizio alla comunità e non di mestiere per sè e famigli. Bastano poche regole e ben chiare per impedire a chicchessia di approfittarsi di posizioni e situazioni di apparente potere e visibilità: la defenestrazione immediata per chi sgarra in malafede.

Sapete quante competenze manageriali, di creatività, inventiva e chi più ne ha più ne metta, tra la cosidetta gente comune? infinite; potenziali inespressi enormi che non avrebbero certo bisogno di brufolosi rappresentanti, qualora prendessero coscienza della possibilità di esprimersi ascoltati.

E sempre per stare con i piedi per terra, siamo al momento accreditati di un 4% nazionale, senza visibilità alcuna se non sul web, pensate che sia molto distante quel 9% con cui la Lega ha condizionato la politica italiana per quasi vent’anni? Noi abbiamo un potenziale maggiore, non parliamo di nord o sud, non facciamo leva sulle paure della gente, noi siamo la gente, quella che conta e vuole contare sempre di più, quella che ha finito di credere alle favole e ai cerchi magici.

Ah! per par condicio: sapete perchè Berlusconi  ha deciso che PdL deve cambiare nome? perche qualcuno l’ha ribattezzato “Partito dei Lavoratori”.

PENNAdOCA                                                                                                                               29.10.2011

Advertisements

About lapennadoca

PENNAdOCA Il breve profilo suo, bestiale. Nasce in uno dei più freddi gennaio a memoria d'uomo, quello del 1947 sulla confluenza del Sieve con l'Arno, in provincia di Firenze. Dopo una parentesi decennale (1952-1962) trascorsa tra le macerie, ancora evidenti, della pluribombardata Civitavecchia (RM), approda in Lombardia per conseguire la Maturità Classica e la laurea In "Chimica e Tecnologia Farmaceutiche" Dal 1979 risiede a Milano dove, dopo aver ricoperto per circa un ventennio funzioni manageriali di direttore commerciale in importanti aziende farmaceutiche, intraprende l'attività imprenditoriale nel settore dell'editoria elettronica scientifica e dell' e-learning. Nel frattempo ha messo su famiglia e ora si ritrova vicino una mamma papera,laureata magistra di pollaio, e una figlia ochetta laureata. Si è dedicato, nell'ambito dell'impegno civile, alla battaglia dei movimenti contro l'attuale governo illiberale e per il recupero dell'etica nella politica . Collabora con il Movimento5stelle Milano. "Scrive per hobby, prevalentemente in chiave di satira politica". N.B. Vi chiederete perchè sia scritto in terza persona, semplice, nel burlesco spirito di PENNAdOCA, questo non è il mio profilo, ma di un carissimo amico e solo l'ultima asserzione è ascrivibile a me.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s